Ho trasformato il mio profilo in fan page per errore, come posso riavere il mio profilo?

Ho trasformato il mio profilo in fan page per errore, come posso riavere il mio profilo privato?

Una volta trasformato il profilo privato in una fan page è possibile tornare indietro? La risposta è si, ma..

Facebook da la possibilità di un appello nei casi di errori nella trasformazione da profilo a pagina, ma in perfetto stile Facebook non garantisce nè la presa in carico del problema nè la soluzione nel caso non la ritenesse appropriata.

Nel caso la richiesta venga accettata la pagina pubblica creata verrà eliminata.

link appello migrazione_profilo

 

Esperienze personali: ho provato un appello, ma non è andato a buon fine, nel senso che non è stato preso in considerazione da Fb (e potrei pure dare loro ragione), penso cmq sia l’unico modo per poter tornare indietro

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Login with Facebook:
Log In

11 thoughts on “Ho trasformato il mio profilo in fan page per errore, come posso riavere il mio profilo?

  1. devo AD OGNI COSTO riavere la pagina privata,come posso fare? 3 giorni fa ho mandato l’email e seguito il vostro consiglio,ma nulla!

    1. Ciao Lucia, hai usato il form di fb, giusto? Sinceramente ho qualche dubbio ti facciano tornare a situazione precedente (per come interpreto io le loro linee guida:osteria non è da profilo privato.) Eventi e foto in pagina non vengono migrati. Il problema è gli amici non trasformati in fan da quello che capisco. Ma ultima parola è di facebook sempre in questi casi.

  2. Facebook ha imposto il cambiamento del mio profilo in pagina. Non riesco più ad accedervi. Vorrei che tornasse attivo il mio profilo ” AzzurraTv Emittente Televisiva, in quanto avevo già attivato una pagina “Azzurra Tv” che si occupava e si ocuupa della promozione della mia emittente televisiva.
    Questo genera confusione fra i miei utenti e mi sta causando un danno economico.
    Confido in voi per la risoluzione della problematica.
    Grazie
    Il direttore
    Franco Licciardo